INTRO

Museo Rosenbach - Italian Prog band - Official website - Intro

Le band nascevano da un gruppo di amici. Giancarlo Golzi, Pierluigi “ Pit “ Corradi ed Alberto Moreno suonavano spesso insieme:

Gian alla batteria, Pit alla chitarra, Alberto al basso. Nessuno dei tre cantava in modo accettabile.

Museo Rosenbach - Italian Prog band - Official website - Intro
Museo Rosenbach - Italian Prog band - Official website - Intro

“La ricerca di un cantante è stata lunga

e dal 69 al 71 abbiamo sperimentato diverse soluzioni.

Suonavamo cover sia italiane che inglesi: l’Equipe 84, i Nomadi, i Kinks, canzoni semplici eseguite come esercizio per assimilare gli accordi. Qualcuno propose il repertorio degli Animals,  tentammo alcuni brani di Hendrix, Jimmy Smith; i modelli erano i Moody Blues e The Doors. Si imitava i classici dei Beatles e degli Stones. Apparvero i Cream e i Pink Floyd: i suoni cambiarono diventando più aspri.”

1968

Museo Rosenbach - Italian Prog band - Official website - Intro
Museo Rosenbach - Italian Prog band - Official website - Intro
THE PEANUTS – 1968 1969

Marco Biancheri – lead vocal // Pierluigi “Pit” Corradi – lead guitar// Marco Bordero – guitar // Alberto Moreno – bass // Giancarlo Golzi – drums

Museo Rosenbach - Italian Prog band - Official website - Intro

“Innumerevoli band si mischiavano frequentemente; era normale “provare” con un altro batterista o chitarrista, tutti sapevano i pezzi ma con alcuni la musica girava meglio.”

Museo Rosenbach - Italian Prog band - Official website - Intro
QUINTA STRADA – 1970 1971

 Marco Biancheri – lead vocal // Pierluigi “Pit” Corradi – lead guitar // Alberto Moreno – keyboards // “Calore” – bass // Giancarlo Golzi – drums

 “Ci sono state diverse mutazioni della matrice rock.

Assimilato il nuovo modo di espressione sono nate le varianti, le sfumature, le accentuazioni.

I Procol Harum avevano già praticato la miscela con il classico, i Pink Floyd abbandonarono il delirio psichico per una contemplazione più moderata inserita però in tematiche alte (Atom Heart Mother); i Jethro Tull mischiarono il folk al rock in opere di un certo respiro ( Aqualung – Thick as a Brick). David Bowie vestì di decadenza le sonorità del decennio precedente. Fiorirono i Genesis, i Gentle Giant, i King Crimson che ci orientarono verso una più precisa identificazione del nostro sound.”

Museo Rosenbach - Italian Prog band - Official website - Intro
Museo Rosenbach - Italian Prog band - Official website - Intro

“Nel 1970 abbiamo suonato per tutta l’estate al Paip’s Kursaal di Bordighera, una discoteca in cui si erano esibiti i migliori gruppi italiani: i New Trolls, I Primtives, i Pooh. Il gestore era Bruno Lanteri che diventò lo sponsor e il manager del Museo Rosenbach.”

Museo Rosenbach - Italian Prog band - Official website - Intro